UNA CUCINA TONDA COME IL MONDO 

Sostenibilità, pulizia e gusto: sono questi i 3 ingredienti principali della cucina del Giardino. Sostenibilità è come dire “cucina circolare”. Significa, per noi, poter acquistare prodotti che arrivano da piccole produzioni, spiccano piccole cooperative d’eccellenza mentre teniamo lontana la Gdo. Sostenibilità vuol dire, per noi, riuscire a declinare la materia prima nelle più svariate preparazioni,nelle più diverse texture e nei più semplici elementi di gusto. Come? Un pomodoro può essere crudo o cotto, salato, dolce o croccante: la nostra cucina sviluppa ogni ingrediente dall’appetizer fino al dessert. Stravolge l’ordine della creazione di un menù della cucina tradizionale o della cucina stellata. Gli ingredienti che scegliamo si ripetono in tutto il menù ma in modo diverso: contaminano, si amalgamano, si fanno riconoscere oppure si nascondono per accendere sferzate di sapore che non vi sareste mai aspettati. Sostenibilità è fare la spesa in modo intelligente. Significa scegliere prodotti di alta qualità e più particolari perché verranno utilizzati totalmente.

Lo scarto è minimo, la resa è sorprendente. Pulizia. Risparmio per la terra e per il cibo: con il nostro modo di fare ed essere cucina noi produciamo pochissimi scarti e non contaminiamo l’ambiente. Ecco perché , la chef Maria Zingarelli, ha scelto di essere vegetariana: la sua è una scelta etica, un modo di rispettare la natura e la vita. Una filosofia di cucina che si rifà all’ ayurveda. L’alimentazione ha un’importanza fondamentale nella cura del corpo e dello spirito. Gli alimenti alla base di una dieta ayurvedica sono riso, legumi e verdure, ma la vera ricchezza sta nelle spezie che non vengono mai accostate a caso, ma sempre secondo le loro intrinseche qualità. Nasce così per Maria Zingarelli il desiderio di proporre la cucina del colore: ogni individuo ha bisogni differenti in momenti diversi della propria vita. Nei menù bilanciati del Giardino noi ci disponiamo a rispettare le necessità di ogni singolo individuo, e ad offrire piatti equilibrati, rispettosi e sani. Cucina di gusto ed etica.

La cucina di Maria Zingarelli è ricca e non per forza legata alla cucina italiana o regionale. Ci sono le radici che affondano nel sud dell’Italia, ci sono le esperienze legate alla terra e ai contadini e c’è la conoscenza della storia della cucina italiana che è naturalmente vegetariana. Proporre piatti vegetariani è quello che Maria Zingarelli porta  nel cuore e sente di poter condividere con tutti coloro che si siedono al tavolo del Giardino. Una scelta importante perché segue il percorso del rispetto – non prepariamo piatti con ingredienti animali, perché la nostra non è una cucina che possa ospitare la sofferenza – , della bellezza e della ricchezza.
Non è una cucina SENZA ma una cucina con più gusto: l’universo della cucina senza piatti e pietanze di origine animale è sinonimo non solo di buon cibo, ma anche di varietà e ricchezza di piatti. La dieta vegetariana può essere un trionfo di fantasie e sapori. Gustosi piatti presi in prestito alla cucina mediterranea, come la pasta con ragù di verdure, ortaggi ripieni e gratinati, strudel, sformati e soufflé vegetali, vellutate di legumi, torte di cereali. Tutti sono fonti importanti di vitamine,  fibre e proteine.